Homepage

Interventi

Eventi

Risorse

Links
Legislazione
Domande & Risposte
Agorà
Redazione

Risorse

Libri
Riviste
Documenti
Film e spettacoli
Altre risorse
Affido familiare
Dati sul disagio
Filtri web per bambini


Per la lettura di alcune pagine di questo sito è necessario utilizzare Acrobat Reader ®

 

FILM E SPETTACOLI

 FILM

"NON E' GIUSTO"
un film per l'infanzia

recensione a cura di
ASIA Onlus

Il film nasce dall'esigenza di dare visibilità alle realtà più piccole, sostenendo l’importanza di una società a “grandezze diverse”, di un mondo visibile per tutti. Si vuole offrire una voce contro l’ingiustizia dei grandi che non rispettano i bambini, i loro sentimenti, le loro richieste, violando di continuo l’integrità della loro esistenza. Il filo comune che lega il lavoro di A.S.I.A. al film Non è giusto è il desiderio di aiutare tutti i bambini della terra, con le loro diverse problematiche, nelle diverse culture e realtà sociali, a vivere una vita migliore e a crescere come uomini liberi e felici. I produttori di Non è giusto, destineranno parte degli incassi per sostenere un progetto di A.S.I.A., mirato ad aumentare l’accessibilità all’educazione primaria dei bambini nomadi del villaggio di Shala, nella prefettura di Huangnan, nella provincia del Qinghai, Repubblica Popolare Cinese.



"ESSERE E AVERE"
un film di Nicolas Philibert
recensione a cura di Caterina Farinelli

Sin troppo ovvio forse.
Un titolo così ovvio che riassume perfettamente in sé la preziosa ovvietà dell’intera vicenda rappresentata. Vita di scuola, quando si è ancora piccoli, quando le stagioni si capiscono perché si vedono, quando gli amici sono tali perché sono anche, talvolta, nemici, quando il buon gigante che insegna a leggere e a scrivere ci addita anche quell’enorme finestra da cui guardiamo, perplessi e incuriositi, il mondo dei grandi. Più o meno va sempre così.
Il documento di Philibert scorre con il ritmo pacato e naturale dei nostri anni più belli, ma è tutt’altro che tediosa cantilena o filastrocca da pubblicità “acchiappamammine”. Qui i bambini sono veri, mettono generosamente le dita nel naso, si sporcano e non vorrebbero lavarsi, litigano e indugiano a far pace, si distraggono e non sanno le tabelline, si chiudono in ostinati silenzi e magari piangono quando vogliono comunicare qualcosa di importante. Ma, soprattutto, crescono e cambiano. Ci si domanda, ad un certo punto, se davvero la macchina da presa abbia voluto soltanto offrire come semplice sfondo alla quotidianità di questi piccoli l’accattivante spettacolo della campagna dell’Auvergne, nei suoi immutabili cicli di morte e rinascita, o se, invece, non sia stato esattamente il contrario.
Il risultato prodotto da questa continua alternanza di fuochi è, comunque, estremamente coinvolgente e dilata con abile e leggerissima mano il confine assolutamente realistico della vicenda, dandole il pieno respiro di grandiosa metafora del tempo che passa. Un paio di momenti sembrano ben scandire questo senso altro del tutto. Il maestro, interrompendo i suoi lavori con le piante del giardino, si ferma qualche istante per raccontare di sé, delle proprie origini soprattutto, dei propri inizi e dei propri genitori. E di nuovo il maestro, durante una lezione ai più grandi, spiega loro che tra un anno e mezzo andrà in pensione, ma che allora vorrà fare altre cose…
La vita come ovvio, continuo divenire, come ripetitivo percorso di uno scuolabus,
come scoperta di colori, di parole, di numeri vecchi quanto il mondo, eppure sempre straordinariamente nuovi agli occhi di chi per la prima volta li apprende. La scuola come prima formidabile occasione di confronto – e sicuramente anche di scontro - con tutto ciò che è diverso, che spesso può non piacere, che non sempre è bello e facile capire e mettere in pratica. L’impressione, insomma, di una sorta di prova generale della vita. Quando e dove tutto è ancora aperto, le domande infinite e imprevedibili, ma le risposte da costruire una ad una, con intelligente pazienza e amoroso rispetto, una per ognuno dei tredici bimbi. Quando tutto è in gioco ed è un gioco, tutto è ancora, semplicemente, l’insostituibile scoperta di “essere e avere”.

© Copyright 2003 Fondazione Carlo Caetani della Fargna. Tutti i diritti sono riservati.